comunicazione ACU

comunicazione ACU

 

Abbiamo continuato  rimandare pere rimetterci in contatto con tutti Voi, con la speranza di poterVi dare notizie positive…

Purtroppo ancora oggi, (3 novembre 2020) ciò non è possibile! Ma non vogliamo demordere e rassegnarci all’idea  di non poterci incontrare ancora per molto tempo.

Certo quanto sta accadendo ci ha costretto a misurarci con qualcosa di sconosciuto, a modificare abitudini, stile di vita, rapporti. Già con l’interruzione dell’anno accademico precede eravamo rimasti attoniti alla finestra in un assordante silenzio ad osservare un mondo che si stava fermando, ma in fondo a questo tunnel oscuro si intravvedeva una fiammella che ci permetteva  di attendere con fiducia che tutto passasse, forse perché non eravamo ancora consapevoli delle effettive dimensioni.

Oggi ci appare tutto diverso:
il nostro desiderio e la volontà di uscire da questo tempo “sospeso” sono stati nuovamente bloccati e siamo costretti ad ammettere che, al momento, non possiamo prevedere una ripresa dei corsi in tempi prossimi.

Del resto siamo fermamente convinti che la salvaguardia della salute di noi tutti sia una priorità determinante e che in questa direzione dobbiamo operare pur ottemperando a tutte  le disposizioni, perché questo potrebbe alla fine rivelarsi non sufficiente ed iniziare per poi richiudere sarebbe ancor più negativo e deprimente.

In quest’ottica abbiamo anche considerato il poter svolgere degli incontri a distanza ma,  a parte le problematiche difficoltà che molti si troverebbero ad affrontare e risolvere, verrebbe meno quella che è una prerogativa di questa tipologia di associazioni, cioè la socializzazione, lo stare insieme, conoscere nuove persone con cui condividere interessi e passioni,  creare rapporti anche tra coloro che, magari dopo una vita di lavoro, si trovano a gestire il proprio tempo, il tutto senza però dimenticare la crescita e la ricchezza  frutto di approfondimenti culturali.

A breve vi informeremo sul programma che, “mister  Covid” permettendo, saremo lieti di sottoporre alla Vostra attenzione e … magari adottiamo il titolo del libro scritto dal maestro Marcello D’Ortanella “IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO”.

Buona vita e serena settimana, un abbraccio … non con il gomito o con l mano sul cuore ma come pensiero amichevole ed affettuoso-

Il cda che ha finalmente avuto la possibilità di riunirsi ha definito le linee guida, chiaramente condizionate dalle disposizioni governative e regionali che purtroppo subiscono un continuo negativo aggiornamento.

 

Info sull'autore

acubrugherio administrator

Lascia una risposta